Abitato situato sui pendii al margine sinistro del torrente Atticola. Era villa della Contea di Gottano e feudo Soliani-Raschini; dipendeva dalla parrocchiale di Cola. Nella visita del Vescovo Pallavicino del 1456 è citato un oratorio dedicato a S. Martino (1). Alla fine del Settecento il Ricci ne indica una popolazione di 56 abitanti (2). Il borgo è arroccato linearmente lungo uno sperone marnoso sulla cui sommità sono visibili le rovine del vecchio oratorio con annessa area cimiteraile. Una pregevole maestà murale con cornice in arenaria e terracotta smaltata reca il simbolo bernardiniano. Una chiave di recupero scolpita con un cane rampante è datata "1724" Un pilastrino di tipologia ottocentesca reca una statuetta votiva a tutto tondo.

Altre Informazioni

Bibliografia
(1) SACCANI 1926, 259; (2) RICCI 1788, 111.
Riferimento cartografico IGM
IGM F 85 II NE