Il monumento originario (una targa/sacrario lunga circa dieci m. per un'altezza superiore ai due m.) venne inaugurato il 25 aprile 1950 dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi. Nel 1984, in seguito a lavori di restauro nell'edificio della Galleria Parmeggiani, venne decisa una nuova ubicazione per la targa sacrario dei caduti della Resistenza di Reggio Emilia, nonché una nuova soluzione formale. Pertanto il monumento venne ricostruito nell'area verde adiacente ai monumenti dedicati alla Resistenza e ai caduti del 7 luglio 1960. Il nuovo monumento è composto da dieci steli metalliche, ognuna delle quali ospita circa sessantadue nomi di caduti e contiene le 615 fotoceramiche precedentemente infisse nel vecchio monumento. L'inaugurazione risale al 40° della Liberazione (1985).

Iscrizione

«GLORIA AI CADUTI PER LA LIBERIA' E L'INDIPENDENZA DEL POPOLO ITALIANO»

Immagini