Il mulino azionato dalla acque del torrente Ozola, già esistente all'inizio del XIX secolo, figura censito nella Carta idrografica d'Italia del 1888 (1). Era costituito da due fabbricati ancora attivi agli inizi del XX secolo. Il primo è ridotto a rudere mentre il secondo è stato trasformato in abitazione. Il fabbricato a pianta quadrangolare è concluso da un tetto ad unico spiovente. Una lunga gora alimentava l'impianto a due ruote di tipo orizzontale a mescolo.

Altre Informazioni

Bibliografia
(1) C. I. I. 1888, 142.
Riferimento cartografico IGM
IGM F 85 II SE