Il toponimo è ripreso dalla carta topografica del Ducato Estense del 1822-28. Si comprendono lungo via Ronchi di Fosdondo un caseificio novecentesco a pianta rettangolare in vago stile "neomedievale"; notabile la cornice di sottotetto a dentelli a dente di sega ed il rosone a otto punte. Al margine della via sorge una maestà novecentesca a pilastrino con nicchia in volto recante l'immagine votiva a tutto tondo della Beata Vergine.

Altre Informazioni

Riferimento cartografico IGM
IGM F 74 II NO