Nel 1998 il monumento è stato portato dallo spazio antistante alla chiesa all'ingresso del cimitero. Il progetto del monumento, opera dell'architetto Marcello Gallingani, presenta alcuni interessanti accorgimenti tecnico formali: la superficie su cui compaiono l'epigrafe ed i nominativi dei caduti è trasparente e lascia intravedere il tricolore marmoreo anteriore, mentre tra la reca ed il marmo è teso un frammento di filo spinato. Al centro del complesso è infissa un'asta metallica. I nominativi sono distinti tra «CADUTI DI GUERRA 1915-1918» e «CADUTI 2' GUERRA MONDIALE»

Iscrizione

NESSUNA ISCRIZIONE

Immagini