Trattasi di una struttura in granito con epigrafe e nominativi in bronzo accompagnati dalle fotografie dei caduti contenute in cornici rettangolari. I nomi sono divisi tra <<MILITARI CADUTI GUERRA 1915-1918», «MILITARI CADUTI GUERRA 1940-1945», «CADUTI PER LA LIBERTA'», «MILITARI DISPERSI» e «CADUTI CIVILI». Il monumento consta di una longilinea struttura in bronzo antistante. L'inaugurazione risale al 19 novembre 1.950. Nel 1981 il monumento venne ristrutturato dall'Amministrazione comunale su richiesta dell'Associazione nazionale combattenti e reduci e dell'Anpi (sezione Ospizio). Nel 1999 il monumento è stato nuovamente ristrutturato su progetto dell'architetto Marcello Gallingani.

Iscrizione

«VILLA OSPIZIO AI SUOI CADUTI»