Nella località si segnala la scoperta di un'ansa a doppio occhiello di situla attribuibile all'età del ferro(1). Il toponimo è riportato nella carta I. G. M. del 1888. Si individua un interessante edificio rurale. Sviluppa un volume compatto a pianta quadrangolare, sviluppata su due livelli con copertura a quattro falde impostata su una cornice di gronda a dentelli. Le luci sono regolari e simmetricamente distribuite. L'edificio è caratterizzato da un portico frontale a tre luci, in origine a tutto sesto, ora tamponate ed architravate. Il fronte est presenta due archi laterali, tamponati a tutto sesto; notabili le"gelosie"del fienile.

Altre Informazioni

Bibliografia
(1)C. A. BR. 1989, 32.
Riferimento cartografico IGM
IGM F 74 IV SO